L’umile telecamera di sicurezza: dal romanzo alla necessità

Al giorno d’oggi è difficile trovare un sistema di sicurezza domestica che non includa almeno una videocamera. La videosorveglianza è un componente standard della sicurezza domestica, soprattutto nell’era del wi-fi. La tecnologia wireless consente a chiunque di installare e monitorare facilmente le telecamere in tutta la casa. Ma come ci si potrebbe aspettare, le cose non sono sempre andate così.

Rintracciare le telecamere di sicurezza alle loro umili origini dimostra fino a che punto è arrivata la tecnologia. E con l’evoluzione della fotocamera, quella che una volta era una mera novità ora è quasi una necessità. Devi quasi avere telecamere se ti aspetti che un sistema di sicurezza domestica faccia il suo lavoro.

Edison e Dickson hanno iniziato tutto

Fonte:saturdayeveningpost.com

Prima che esistessero le videocamere, il movimento veniva catturato dalle cineprese. Quelle vecchie cineprese affondano le loro radici alla fine del 1800 e un’amichevole competizione tra gli inventori Thomas Edison e William Dickson. Quest’ultimo era effettivamente impiegato da Thomas Edison nel suo laboratorio di Menlo Park.

Edison e Dickson avevano approcci diversi alla registrazione del movimento su pellicola. Alla fine hanno unito le loro idee per produrre una cinepresa funzionante negli anni 1890. Solo pochi anni dopo i film commerciali venivano mostrati al pubblico di tutto il paese.

La capacità di registrare il movimento utilizzando grandi rulli di pellicola (35 mm era lo standard all’epoca) ha immediatamente suscitato interesse nello sviluppo di una fotocamera più piccola con una pellicola relativamente più piccola. Alla fine degli anni ’30 e all’inizio degli anni ’40, venivano prodotte fotocamere a pellicola portatili. Sono diventati un punto fermo del giornalismo della seconda guerra mondiale e della raccolta di informazioni.

Nascono i feed live

Fonte:thelocal.de

Il film di acquisizione del movimento era una tecnologia fantastica per i suoi tempi. Ma c’è voluto ancora del tempo per svilupparsi. Durante la seconda guerra mondiale, la Germania voleva la possibilità di sorvegliare i lanci di razzi in tempo reale. Non volevano filmarli, aspettare di sviluppare il film e poi alla fine analizzare cosa era successo. Così gli scienziati tedeschi hanno iniziato a sviluppare quella che è diventata la TV a circuito chiuso (CCTV).

La CCTV è stata la base di quella che sarebbe diventata la sorveglianza di sicurezza commerciale e residenziale. Nota che la CCTV tedesca è stata introdotta negli anni ’40. Negli anni ’60, altri governi utilizzavano la tecnologia per scopi di sicurezza interna. Da lì ai sistemi di sicurezza commerciali è stato solo un breve salto.

Le banche si sono attaccate alla videosorveglianza come misura di sicurezza contro i furti. Le carceri e le prigioni locali hanno iniziato a installare telecamere per tenere d’occhio i detenuti. Anche le aziende si sono rivolte alla CCTV come mezzo per monitorare ambienti di ricerca e produzione altamente sensibili.

Videosorveglianza e sicurezza domestica

Fonte:securityalarm.com

Il primo sistema di sicurezza domestica è stato sviluppato dall’inventore e infermiera Marie Van Brittan Brown. Lei e il marito Albert Brown hanno brevettato con successo il loro sistema nel 1969. Il sistema si basava sull’utilizzo di una telecamera CCTV per sorvegliare i visitatori utilizzando uno dei quattro spioncini attraverso i quali poteva avere una visione chiara.

L’invenzione dei Brown avrebbe continuato a spronare un’intera industria a proteggere le case con sistemi di sicurezza. Con il passare del tempo, i sistemi sono stati potenziati con sensori di porte e finestre che avrebbero emesso un allarme in caso di effrazione. E come si suol dire, il resto è storia.

Il moderno sistema di sicurezza domestica

Fonte: gogreensite.com

I primi sistemi di sicurezza domestica degli anni ’70 e ’80 operavano principalmente su alcune telecamere CCTV e sensori di movimento per finestre e porte. Pochi sistemi sono stati monitorati allora. Il più delle volte, erano solo rumorosi. Oggi è tutto diverso. Non solo i proprietari di case hanno più componenti tra cui scegliere, ma il monitoraggio 24 ore su 24 è all’ordine del giorno.

Videocamere moderne

Per quanto riguarda le videocamere, la tecnologia ha fatto passi da gigante dal 1969. Per cominciare, la CCTV è raramente vista in ambienti residenziali. Oggi si tratta solo di wireless. Le telecamere non devono più essere cablate all’impianto elettrico di casa. Non devono nemmeno essere collegati a sistemi di sorveglianza a stato solido.

L’alimentazione è fornita da batterie agli ioni di litio a lunga durata. Per quanto riguarda i feed video live, vengono trasmessi su una rete Wi-Fi locale a un’unità base o a un ambiente di archiviazione cloud.

Inoltre, le telecamere di videosorveglianza non devono essere unità cilindriche montate a parete. Una videocamera può assumere letteralmente qualsiasi forma. Le telecamere possono essere installate su pareti, scaffali o mobili. Possono sedersi sopra un bancone o essere posizionati su un tavolino.

Le videocamere possono anche essere integrate in altri dispositivi, come i campanelli. Secondo Vivint, il campanello con videocamera è uno degli articoli più in voga nel settore della sicurezza e dell’automazione domestica in questo momento. I campanelli video sono lo strumento perfetto per monitorare la consegna dei pacchi, spaventare i pirati del portico e, in generale, tenere d’occhio il portico anteriore.

I criminali odiano la videosorveglianza

Fonte: einfochips.com

Edison e Dickson hanno inventato le prime telecamere di registrazione del movimento come novità. Il loro obiettivo era creare film per scopi di intrattenimento. Avevano idea di aver dato vita a quella che alla fine sarebbe diventata la moderna videosorveglianza? Nessuno sa. Quello che sappiamo è che i criminali odiano la videosorveglianza.

È noto che i criminali evitano le case che sanno avere sistemi di sicurezza domestica con videocamere. Le loro ragioni sono semplici. Innanzitutto, una videocamera con un feed live può avvisare i proprietari di immobili prima che venga mai effettuato un ingresso forzato. Ciò mette automaticamente il criminale in una posizione di svantaggio.

In secondo luogo, la videosorveglianza fornisce prove che gli investigatori possono utilizzare per rintracciare e catturare i criminali. Quella stessa prova può essere utilizzata in tribunale per ottenere condanne. I criminali potrebbero non essere le lampadine più luminose sull’albero di Natale, ma sono abbastanza intelligenti da sapere che le videocamere li mettono seriamente a rischio di essere catturati.

Quella che era iniziata come una novità nel 1890 è diventata una necessità per la sicurezza domestica. In questi giorni, i criminali disposti a irrompere e rubare non pensano alle vite che interrompono con la loro attività. Per fermarli, il resto di noi deve fare tutto ciò che è in nostro potere per rendere la vita dura a ladri e scassinatori. Ciò include tenerli d’occhio con la videosorveglianza.

Continua a leggere altri articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!